Brindisi

ALBERTO C5 SCONFITTA INTERNA CON IL RUVO

Postato il

DSC_0121SAN PIETRO VERNOTICO – Nel quinto anniversario della scomparsa di Alberto Rimini, perde sul proprio terreno di gioco l’Alberto C5 contro il Givova Ruvo, formazione terza in classifica. Nessun punto, nonostante una delle più belle prestazioni per gli uomini di mister Marelli che si arrendono ad inizio ripresa al tiro dalla distanza di Maguaren. I padroni di casa privi di Pipitone e Cretì si schierano con Maggi, Di Giulio, Iaia, Giglio e Valente. I baresi si schierano con Mastrorilli, Russo, Forini, Maguaren e Mazzone.
La prima occasione della partita è sui piedi di Mazzone, Maggi sventa la minaccia. La risposta dei brindisini con il sinistro di Valente, si salva con i piedi Mastrorilli. Al 5’ ci prova Forini, al 7’ Valente supera il portiere e calcia a botta sicura, sulla linea di porta salva Russo. Al 10’ azione personale di Magueran, pronta la risposta di Maggi. Al 13’ ancora pericoloso Valente, il portiere barese in tuffo respinge in out. L’Alberto spinge, Iaia al 15’ sfiora il vantaggio, al 17’ Russo salva nuovamente la propria porta su tiro di Valente. Al 20’ occasione sotto porta per Giglio, il portiere ospite non molla la presa. Al 22’ percussione di Forini con tiro che esalta le doti di Maggi, al 23’ Andriani da buona posizione colpisce il palo. Al 24’ tiro di Laterza sul secondo palo, L’Ingesso manca la sfera, lo stesso pivot un minuto più tardi spreca da buona posizione il vantaggio e il primo tempo si chiude a reti inviolate. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

TORCHIAROLO: VIA ALLA RIGENERAZIONE URBANA, DAL CENTRO ALLE MARINE

Postato il

giovedì 20 febbraio, 16:30, il primo incontro presso la sala Valesio

la piazza di Torre San Gennaro
la piazza di Torre San Gennaro

TORCHIAROLO – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del sindaco di Torchiarolo, Giovanni Del Coco, sugli incontri previsti tra Comune e cittadinanza sul tema della rigenerazione urbana del Centro e delle marine:

L’Amministrazione comunale informa la cittadinanza che sul sito del Comune (www.torchiarolo.gov.it) sono stati pubblicati gli atti del D.P.R.U., depositati anche presso la Segreteria a disposizione (fino al 27/02/2014) degli interessati e della cittadinanza tutta. Chiunque potrà prenderne visione e presentare le sue osservazioni, utilizzando la scheda pubblicata sul sito del Comune, entro e non oltre il 14/03/2014 indirizzandole a: Comune di Torchiarolo, via C. Colombo, 72020 Torchiarolo – FAX 0831/600672 – PEC urbanistica@pec.torchiarolo.gov.it.
La “storia” del DPRU nasce nel nostro Comune con la sua approvazione da parte del Consiglio comunale dell’11 giugno dello scorso anno (delibera n. 38), in base a quanto previsto dalla Legge regionale n. 21/08 (“Norme per la rigenerazione urbana”).
Il documento programmatico per la rigenerazione urbana individua parti significative di città o sistemi urbani richiedenti interventi prioritari di riqualificazione urbana.
Detto documento definisce quindi non solo gli obiettivi della stessa riqualificazione urbana, ma anche quelli di inclusione sociale e sostenibilità ambientale da perseguire a livello comunale o intercomunale. Si definiscono, inoltre, le politiche pubbliche, in particolare abitative, urbanistiche, paesaggistico-ambientali, culturali, socio-sanitarie, occupazionali, formative e di sviluppo, concorrenti al conseguimento degli obiettivi, le iniziative per assicurare la partecipazione civica e il coinvolgimento di altri enti e delle forze sociali, economiche e culturali.
Al fine di meglio informare, fornire indicazioni e dibattere osservazioni, l’Amministrazione sta curando di organizzare una serie di incontri pubblici che si terranno presso la Sala Valesio. Si inizierà il 20 febbraio, alle ore 16.30, con l’incontro dedicato alla cittadinanza; si proseguirà il 28 febbraio, sempre alle ore 16.30, con l’incontro previsto con gli operatori socio-economico-culturali del territorio; si chiuderà con l’incontro dell’8 marzo, alle ore 9.30, dedicato alle forze politiche.

BRINDISI: DOMANI 8 FEBBRAIO RACCOLTA DEL FARMACO

Postato il Aggiornato il

anche a San Pietro Vernotico presso farmacia Cavaliere, largo Osanna

dona un farmaco 2014

BRINDISI – Sabato 8 febbraio 2014 si terrà in tutta Italia la XIV Giornata di Raccolta del Farmaco. Recandosi nelle farmacie che aderiscono all’iniziativa, si potrà acquistare e donare farmaci da automedicazione che verranno destinati alle persone in stato di povertà su tutto il territorio nazionale.
La Giornata è realizzata dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus in collaborazione con Federfarma e CDO Opere Sociali e si terrà in oltre 3400 farmacie distribuite in 94 province e in più di 1.200 comuni.
Farmacie Brindisi e provincia n.22 Farmacie:
Brindisi: Farmacia Brunetti Via Sele, 5 rione Perrino, Farmacia Cannalire Snc Della Dot.Ssa Rosa Francesca Cannalire & C. Corso Umberto 24 rione centro, Farmacia Casale Dott. Valzano Nicola Via Duca Degli Abruzzi 41 rione Casale, Farmacia Comunale Via Grazia Balsamo 2, Farmacia Spennati Rione Sant’Elia Viale Caravaggio 38. Leggi il seguito di questo post »

ALBERTO C5 RIPRENDE LA MARCIA VINCENTE

Postato il

La squadra vittoriosa a Putignano

SAN PIETRO VERNOTICO – Dopo due sconfitte consecutive, tornano alla vittoria i ragazzi di mister Marelli. Prova di forza di tutta la squadra, sul campo del CsG Putignano che resta in partita solo un tempo, nella seconda frazione di gioco l’Alberto allunga e porta a casa i tre punti. I padroni di casa si schierano con Giotta, Notarnicola, Delvento, Mirizzi e Lucia, gli ospiti rispondono con Miccoli, Laterza, Moncullo, Iaia e L’Ingesso. Dopo una fase di studio tra le due squadre e un occasione al 3’ per Lucia che di testa impegna severamente Miccoli, al 5’ ci pensa L’Ingesso su calcio piazzato a rompere il ghiaccio. Il numero nove un minuto prima aveva colpito un palo esterno.
Il pareggio dei padroni di casa arriva al 7’ con Delvento che vince un rimpallo e batte di punta Miccoli. Al 10’ il vantaggio dei baresi con Recchia che sotto porta ruba la sfera ad un avversario e trafigge l’incolpevole Miccoli. Il pareggio per l’Alberto al 14’ lo firma ancora L’Ingesso sugli sviluppi di un calcio piazzato di Marco Moncullo. Un paio di minuti più tardi il nuovo vantaggio per il Putignano, lo sigla Lucia abile ad inserirsi centralmente. Al 16’ il 3 a 3 di Nazario Laterza che appoggia in rete il suggerimento di L’Ingesso. Il Primo tempo termina in parità.
Nella seconda frazione l’Alberto come già detto accelera, al 5’ Taccone si gira bene e calcia di poco al lato, un minuto più tardi lo stesso Taccone serve sul secondo palo Laterza che appoggia in rete senza difficoltà.
Gli ospiti sfiorano la quinta marcatura prima con la doppia conclusione di Taccone al 7’ e poi con Moncullo al 9’ solo davanti a Giotta. Al 10’ Taccone difende bene la sfera e serve sulla corsa Laterza che batte il portiere in uscita e firma la tripletta personale. Il 6 a 3 è opera di Checco Lucà che di testa sfrutta l’ennesimo assist di giornata di Antonio Taccone.
Allo scadere con i padroni di casa impegnati a giocare con il quinto uomo di movimento, il portiere Marco Miccoli dopo una parata calcia al volo e gonfia la rete della porta sguarnita per il definito 7 a 3. Domenica prossima impegno interno per l’Alberto C5 con il Real Five Carovigno ultimo in classifica.

Alberto C5: 17 Leone (p), 12 Miccoli (p) (cap), 3 Moncullo, 24 Coppola, 7 Taccone, 9 L’Ingesso, 10 Lucà, 11 Franco, 21 Laterza, 26 Iaia.
All. Giordano Marelli Dir. Paolo Maggiore.
Marcatori: (3) Laterza, (2) L’Ingesso, (1) Lucà, (1) Miccoli.
Ammoniti: Miccoli.

CsG Putignano: 1 Robertp (p) , 16 Lucia, 13 Rotolo, 4 Mirizzi, 14 Fauzzi,
6 Tinelli, 7 Rubino, 8 Notarnicola, 9 Recchia, 10 Tarantini, 11 Delvento, 12 Giotta (p).
All. Mezzapesa Dir: Tarantini.
Marcatori: (1) Delvento, (1) Recchia, (1) Lucia.
Ammoniti: Lucia.

Ufficio Stampa Alberto Calcio a 5

PASQUALE RIZZO SUL PROGETTO “UNIONE COMUNI VALESIO”

Postato il Aggiornato il

“il Sindaco Rollo ed il Consigliere Comunale e Regionale Romano non si sono resi conto di aver realizzato una opera mai finanziata”

il Comune di San Pietro Vernotico

SAN PIETRO VERNOTICO – Riceviamo ed interamente pubblichiamo un documento del sindaco Pasquale Rizzo sul tema del progetto “Unione dei Comuni Valesio”. Quest’ultimo  risalente al 2009, divine protagonista centrale del discorso del Primo cittadino che, stando alle sue dichiarazioni, diverse colpe sono da additarsi alla precedente Amministrazione considerando il fatto che, essendo stato tema del penultimo Consiglio comunale i diretti interessati non hanno espresso nulla a riguardo:

Pasquale Rizzo - sindaco di San Pietro Vernotico
Pasquale Rizzo – sindaco di San Pietro Vernotico

Durante il penultimo Consiglio Comunale allorquando lo scrivente ha sollevato il problema legato al progetto realizzato attraverso l’Unione dei Comuni Valesio, si è riscontrato un silenzio della opposizione, da parte soprattutto dei consiglieri Argentieri e Solazzo (ma involge anche le giunte susseguitesi nel tempo), imbarazzante perché figlio, evidentemente, di una consapevolezza in ordine al problema tenuto nascosto sino a quando è stato scoperto: la reazione altrimenti sarebbe stata di incredulità. L’errore commesso dalla precedente Amministrazione è gravissimo ed imperdonabile perché tanto elementare da involgere i più elementari compiti di un assessore, ma la mala fede è assolutamente intollerabile anche se successiva all’errore ormai commesso ed i silenzio serbato dal 2009 ad oggi è inaudito. Si tratta del progetto involgente la pubblica illuminazione della Unione dei Comuni “Valesio” che ha visto il nostro Comune attore principale in quanto comune capofila, avendo anticipato oneri per circa €.400.000,00 per lavori realizzati anche in Torchiarolo (esattamente sulla strada c.d. “sparti feudo” in Torre San Gennaro) e Cellino San Marco. Quindi abbiamo non solo anticipato soldi dei nostri contribuenti, ma lo abbiamo fatto realizzando opere anche in Comuni differenti rispetto a San Pietro V.co. Il fatto “mostruoso ed aberrante” sotto il profilo amministrativo è che quel progetto è stato dato per finanziato ed è stato integralmente eseguito con tanto di fine lavori e certificato di corretta esecuzione delle opere, nel mentre era stato solo inserito in una graduatoria ad un posto infinitesimale mai raggiunto in termini di finanziamenti nell’ambito del Por 2000/2006. Si è quindi affidata la progettazione e direzione lavori, è stata espletata la gara di appalto, realizzate le opere, pagati tutti i Sal (sempre con i nostri soldi anche per le opere eseguite in Cellino e Torchiarolo) e poi stranamente, nonostante nel 2009 il Comune era entrato nel patto di stabilità ed aveva necessità di incassi, nessuno, in apparenza, si è interessato dei rimborsi della Regione (la Regione avrebbe dovuto erogare in favore del Comune, se mai fossimo stati finanziati, una percentuale a rimborso già alla stipula del contratto con la ditta appaltatrice dei lavori, poi man mano che venivano erogati gli stati avanzamento lavori). Tengo a precisare che il tutto si è consumato quando Consigliere Comunale era anche la vera “mente” della amministrazione 2005/2010, il Rag, Pino Romano che quindi, essendo al tempo ed a tutt’oggi anche Consigliere Regionale, non si riesce a capire come mai abbia consentito tale leggerezza senza accorgersene. In tutto il Paese vi erano manifesti con scritto “grazie Pino”, ma il Sindaco Rollo, le Giunte susseguitesi ed il Consigliere Comunale e Regionale Romano (oltre agli altri consiglieri comunali) non si sono resi conto di aver realizzato una opera mai finanziata, e di non aver di contro dato seguito all’unico vero finanziamento ottenuto di minore importo (poco più di €.200.000,00) finito nel dimenticatoio: se avessero affidato la gestione del tutto al Consiglio comunale dei ragazzi forse questi avrebbero potuto spiegare a Rollo, Argentieri, Pecoraro la differenza tra un progetto finanziato ed un progetto ammesso a finanziamento non creando un ulteriore buco nei bilanci Comunali. Non solo: i legali rappresentati della ditta aggiudicataria, proveniente dalla Campania, terra che, al tempo, guardava con attenzione al nostro territorio, visti gli appalti assegnati (v. cimitero), nei giorni scorsi è stata condannata penalmente per aver effettuato un sub appalto non autorizzato ed addirittura per aver utilizzato un minorenne al lavoro senza le prescritte autorizzazioni, e l’attuale Giunta dallo scrivente presieduta, costituitasi parte civile, ha visto riconoscersi danni e spese in favore del Comune. Ci si chiede: i direttori dei lavori, dove erano; è mai possibile che una giunta di sinistra consenta ad una ditta, sub appaltatrice illegittima, di far lavorare minori sul nostro territorio, in un progetto eseguito dichiarando che si è stati finanziati nel mentre la Regione non ha mai deliberato in tal senso (nonostante un consigliere Regionale e comunale curava al tempo direttamente i rapporti tra Giunta e Regione)? Eppure i dipendenti della ditta sub appaltatrice fasulla erano quasi tutti di San Pietro V.co! Non solo: tra le carte processuali è emerso un documento dal quale risulta che un consigliere comunale che ha salvato la giunta Rollo all’epoca della fuoriuscita di Mingolla, Protopapa e Marasco, che dapprima aveva fatto i manifesti contro il Sindaco per poi assicurare la maggioranza come undicesimo consigliere, risulta aver posto a disposizione il suo garage o deposito, sicuramente non a pagamento, per posizionare il materiale utilizzato dalla ditta fasulla poi condannata. Per carità, tanto di cappello alla certa gratuita disponibilità, ma tanta confusione e soprattutto, tanto di indicibile visti gli esiti del procedimento penale e di quello amministrativo. Ricordo che in una pubblica dichiarazione quando Rollo giustificò le sue dimissioni poi ritirate, fece riferimento a vicende gravi ed indicibili! Pensate poi che nel bilancio di fine mandato inviato a casa di tutti i cittadini, pieno di falsità indicibili redatto a spese dei cittadini e senza che i funzionari abbiano verificato la bontà di quanto dichiarato, l’opera pubblica in questione è stata evidenziata come uno dei meriti e degli atti di maggior spicco della precedente amministrazione: che bravi, visti gli esiti, ma in effetti l’opera in questione racchiude e condensa le capacità tecnico-amministrative di chi ha amministrato il paese negli anni scorsi ed ha lasciato debiti e danni immensi. Non vi è bilancio in cui non si è costretti a sottrarre risorse per far fronte ai gravosi debiti ed alle grossolane ed incidibili azioni amministrative dannose per il Paese.Giampietro-Rollo-2 Naturalmente ho provveduto ad attivare ogni percorso al fine di ottenere il pagamento delle somme, gli uffici regionali, pur volendo superare le gravi ed inaudite mancanze, hanno due problemi: il finanziamento vero non è mai stato avviato anche sul mirweb; quello mai deliberato dalla Regione e quindi fasullo ma indicato negli atti deliberativi del Comune di San Pietro V.co per giustificare la spesa sostenuta anche in favore dei comuni di Torchiarolo e Cellino San Marco, non è mai stato autorizzato. Sono in attesa ancora di riscontri, tuttavia consiglio a tutti i componenti di giunta che sul punto hanno deliberato (quasi tutte le innumerevoli di Rollo), ai Rup ai direttori dei lavori e soprattutto al Consigliere Regionale Romano, che ad oggi ha cancellato San Pietro V.co dal suo percorso politico amministrativo, ( stia tranquillo non ne soffriamo la mancanza atteso che in ogni caso a prescindere dalle appartenenze politiche vi sono in Regione Dirigenti prima e politici poi che hanno come primo obiettivo il bene della collettività che non viene mai travalicato dalla rabbia per aver perso malamente in casa propria le elezioni nel 2010. Lei è consigliere Regionale di tutti i cittadini pugliesi, anche di chi era stanco del suo modo di fare politica in San Pietro V.co) di attivare ogni utile percorso per porre rimedio alla situazione, e ciò non già nell’interesse del Paese (abbiamo previsto già nel bilancio approvato le somme necessarie per il riconoscimento del debito fuori bilancio ed ho richiesto ai Comuni di Torchiarolo e Cellino di rimborsare la loro quota), ma nell’interesse dei soggetti summenzionati perché, vorrei esser chiaro, questo danno non sarà pagato dai cittadini ma da chi si è macchiato di tanta leggerezza ed ignoranza amministrativa non sapendo distinguere la differenza tra un finanziamento accordato ed un inserimento in graduatoria, da chi pensa di poter riscuotere somme come direttore lavori senza rendersi conto che sul posto vi erano imprese non autorizzate che addirittura facevano lavorare un minorenne. Vi sono risorse regionali che possono essere liberate e, almeno in parte finalizzate, per cui forse, almeno parzialmente si può rimediare a questo esempio di inettitudine politica, ed incapacità gestionale.
Purtroppo, egregio Consigliere Regionale, i suoi attuali rappresentanti in Consiglio comunale, quelli che hanno vanificato i suoi sforzi, ove mai operati, di tutela del territorio negli anni 2005/2010, continuano a chiedermi (addebitandomene cause ed effetti) lumi su problemi antichi a loro ascrivibili (v. Sporting, zona Pip, Pallitica etc.), probabilmente perché per poter comprendere alcuni passaggi occorre aver contezza di ciò che si è verificato per come rilevabile dagli atti: ciò mi consente quindi di dare la giusta comunicazione in ordine a tante nefandezze: in altri tempi la politica, consapevole di aver utilizzato una classe politica poco tecnica, soprattutto se in buona fede, avrebbe fatto quadrato nell’esclusivo interesse del Paese; in altre realtà funziona ancora oggi così. Mi rendo conto però che ciò non potrà mai accadere in San Pietro V.co, non potendo Lei e la sua classe dirigente (così la definì durante l’ultimo suo consiglio comunale prima delle dimissioni affermando che avrebbe dovuto “camminare da sola”) mai smaltire la rabbia per aver perso le elezioni ed il giocattolo nelle sue mani e ciò a prescindere dagli interessi del territorio! E’ mortificante toccare con mano la mancanza di umiltà in capo a chi si pregia di aver ottenuto finanziamenti pubblici ma poi è stato incapace di spenderli, di chi ha dissipato, lasciando debiti immensi, occasioni importanti per il Paese, di chi non riesce a comprendere (e la vittoria di Renzi è una eloquente risposta in merito) che la gente è esasperata ed in gravissima difficoltà, e che chi è chiamato a svolgere funzioni politiche dovrebbe mettere da parte ogni aspetto personale pensando al bene collettivo. E’ emblematico che, durante l’ultimo consiglio comunale il consigliere Argentieri, trattando il problema delle opere pubbliche, evidenziava il merito dell’Amministrazione Rollo di essere stata capace di reperire finanziamenti senza cofinanziamento regionale o nazionale, nel mentre l’attuale amministrazione ha reperito finanziamenti con cofinanziamenti: come se un sindaco vada al “supermercato” della Regione o dei ministeri e sia nelle condizioni di scegliere di partecipare a bandi che prevedono o meno il cofinanziamento comunale; o come se un’amministrazione, come l’attuale, che ha deciso di realizzare un centro aperto per minori, una comunità socioriabilitativa per disabili psichici gravi, un centro interculturale, il rifacimento del basolato del centro storico, debba porsi il problema di cofinanziare l’opera! Argentieri non si è posta il problema di aver deliberato e realizzato opere mai finanziate e che con €.400.000,00 spesi avrebbe cofinanziato molte altre opere, se mai fosse riuscita a realizzarle visto che, a fronte dei finanziamenti ottenuti, solo grazie all’operato della attuale Amministrazione si è realizzata la zona Pip, il progetto Pirp, l’asilo nido etc., e che il problema più grande non è quello di reperire finanziamenti, ma di spendere i soldi regionali, nazionali e comunitari dando risposte ai cittadini. Il metro per misurare la capacità amministrativa è questo (per le ricadute occupazionali, per l’utilizzo di fondi comunitari, per l’incremento del Pil e l’effetto moltiplicatore che consente di avviare) e non il cofinanziamento eventuale. Per carità, il problema della corretta visione delle cose non ci riguarda, involgendo la classe dirigente del PD da Lei a suo tempo individuata, a noi compete l’obbligo morale e giuridico di “leccare le ferite” dei danni ereditati dalla vecchia amministrazione e di continuare a progettare e realizzare le opere finanziate!
Il Sindaco
Avv. Pasquale Rizzo

S.PIETRO V.CO: DOMANI SEDUTA STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO

Postato il

1474395_621838967864172_1050487911_nSAN PIETRO VERNOTICO – Convocato d’urgenza il Consiglio comunale di San Pietro Vernotico. Così recita l’avviso pubblico che informa della straordinarietà del CC previsto per domani 12 dicembre alle 8:30 e per il venerdì 13 in seconda convocazione. A muovere così repentinamente le sedie del Consiglio è l’unico punto all’ordine del giorno: “Riconoscimento debito fuori bilancio – Merola Franco”. A quanto pare il Bilancio 2013 non ha ancora cessato di scatenare critiche e dibattiti. 

MISS WINTER SALENTO: TORNA NEL 2014

Immagine Postato il

Momenti. Ph Enzo dell atti (4)

BRINDISI – Il terzo Casting a Brindisi il 19 Dicembre, per scegliere le ragazze che sfileranno a concorrere per il titolo di reginetta Invernale del concorso organizzato dalla associazione flashback di Brindisi su tutto il territorio Regionale.
Anche quest’anno il concorso che ha nelle sue principali finalità, la scoperta di giovani talenti, regine di bellezza, e la promozione del territorio,  da fare conoscere anche attraverso i mezzi di comunicazione a disposizione della associazione.
Un concorso immerso nel sociale abbracciato da  molti professionisti e richieste di partecipazione  provenienti da tutta la regione,  che si dedicano nel loro tempo libero, giunto alla sua terza edizione e che segue i presupposti del concorso estivo Miss Summer Salento sempre organizzato dalla associazione che ha visto giudicare le reginette concorrenti da diversi rappresentanti il mondo della moda, dello spettacolo e della comunicazione. Nel corso dell’estate è intervenuta a favore del concorso anche la nota giornalista di moda Mariella Milani, oggi presidentessa di Torre Guaceto riserva naturale protetta della provincia di Brindisi.
Diverse sono le località dove svolgere quest’anno la serata, in cui la provincia di Brindisi è il territorio più favorito seguito dalle numerose richieste  di ospitalità  provenienti da location della provincia di Lecce, e che si svolgerà nel mese di febbraio 2014.
Un cast che vede nel Patron e Direttore Artistico Marcello Altomare, organizzatore insieme a Nico Fiore e l’insegnate Sportiva e Coreografa Valentina Cino con  volontari tecnici e professionisti provenienti da tutta la regione,  dell’arte della fotografia di moda  pronti a dare la giusta preparazione alle giovanissime aspiranti miss a entrare nello showbuisness dello spettacolo con accenni preparatori in occasione dell’evento. Particolare attenzione alla formazione a 360° delle giovanissime aspiranti Miss attraverso e non a caso la scelta di una insegnate diplomata sportiva nella organizzazione del concorso, in considerazione della giovanissima età delle partecipanti e della preparazione posturale del portamento necessaria per affrontare  la serata.
Una linea, quella del concorso, non uniformata ai classici concorsi di bellezza attraverso le varie prove che di solito vengono svolte nei tradizionali concorsi di bellezza, ma attraverso una preparazione mirata al fascino della moda attraverso sfilate con abiti di giovani stilisti appositamente selezionati nell’ambito della promozione del territorio del progetto di cui si è fatto carico l’associazione. Sono queste le dichiarazioni di Marcello Altomare Direttore artistico e presidente della associazione promotore.
I grossi risultati, come testimoniano anche i grossi media regionali che ci seguono,  prosegue,  ottenuti in questi anni, spingono sempre di più gli organizzatori a proseguire i progettti che ci siamo presupposti  di realizzare, perché, non ostante sulla stampa in questo periodo si leggono polemiche sui concorsi di bellezza, questi rappresentano una strada di rispetto e di valorizzazione del mondo delle donne, e fino a quando si registrano enormi numeri di partecipazione anche di democrazia.
L’appuntamento quindi per le selezioni di Brindisi, è per giovedì 19 Dicembre 2013. Le selezioni si svolgono su tutto il territorio pugliese e la partecipazione e aperta anche alle ragazze fuori del territorio. Le selezioni sul territorio sono svolte per agevolare gli spostamenti delle innumerevoli richieste di partecipazione che ogni giorno l’associazione riceve.
L’età delle candidate è dai 15 ai 18 anni, ed obbligatoria della presenza di un genitore se minori. Durante le selezioni saranno svolte tutte le pratiche legali necessarie per lo svolgimento del concorso.

Questo slideshow richiede JavaScript.