scuola e istruzione

BIBLIOTECA MELLI: LUPIAE COMIX TI SPIEGA IL FUMETTO

Postato il

giovedì 27 marzo ore 16:00

immagini dal mondo fantasticoSAN PIETRO VERNOTICO – Il fumetto come non l’avete mai letto. Questa la prerogativa che è alla base del prossimo evento organizzato dalla biblioteca comunale Melli di San Pietro Vernotico, per mano di LiberMedia. Dopo i precedenti eventi, la biblioteca pare le porte al mondo del fumetto. Grazie alla collaborazione con Lupiae Comix, prima scuola di fumetto in Puglia, si potrà scoprire la forza narrativa e letteraria del fumetto che, da sempre snobbata dalla letteratura contemporanea propriamente detta, ha trovato il suo riscatto anche grazie alla rivoluzione apportata da Frank Miller. Lupiae Comix parlerà di effetti visivi, grafici ed ambito cinematografico sino a finire nel backstage della realizzazione del fumetto. Il tutto passerà attraverso un laboratorio teorico/pratico organizzato dalla biblioteca Melli d dall’Istituto Tecnico De Marco – Valzani di San Pietro Vernotico. L’incontro inizierà alle 16:00 presso la sede dlla biblioteca in via S. Antonio 140.

GIOVEDÌ AL COMUNE: ANFAA LECCE PRESENTA “AGGIUNGI UN POSTO A CASA”

Postato il

anfaa lecce - aggiungi un posto a casaSAN PIETRO VERNOTICO – Si terrà giovedì 27 marzo alle ore 16:00 presso l’aula consiliare del Comune sanpietrano il convegno organizzato da Anfaa Lecce dal titolo “Aggiungi un posto a casa”. È passato ormai un anno da quando, proprio in aprile 2013, l’associazione leccese di cui sopra ha presentato il suo progetto “La famiglia a sostegno della famiglia” (voluto dall’Amministrazione comunale nella persona dell’assessore ai Servizi Sociali Domenico Caputo e del consigliere comunale nonchè presidente del Consiglio d’Istituto Maurilio Marangio) attraverso il quale la stessa Anfaa ha avuto l’opportunità di interfacciarsi non soltanto con gli operati del settore degli affidamenti famigliari, ma sopratutto con i bambini nel cercare di avvicinarli interpretando le loro sperane e bisogni. Proprio per questo è stato pensato l’incontro di giovedì prossimo: per mettere a puntoil lavoro svolto e renderlo noto pubblicamente. Dopo i saluti del sindaco Rizzo e della dott.ssa Loreta Chirizzi, dirigente scolastica, interverranno al convegno: la dott.ssa Maria Cristina Rizzo – procuratore generale del Tribunale per i Minorenni di Lecce, la dott.ssa Lucia Rabboni – magistrato del tribunale per i Minorenni di Lecce, il dott. Luigi Russo – psicologo infantile. Coordinerà il tutto la dott.ssa Grazie Manni, presidente di Anfaa Lecce.

SAN PIETRO VERNOTICO: CHIUSA LA SCUOLA DE GASPERI PER LAVORI URGENTI

Postato il

la scuola resterà chiusa dal 13 al 17 febbraio 2014

la scuola De Gasperi
la scuola De Gasperi

SAN PIETRO VERNOTICO – È chiusura straordinaria per la scuola sanpietrana De Gasperi. Essendosi svolto ieri mattina 12 febbraio il Consiglio d’Istituto, i componenti facenti parte hanno deliberato all’unanimità per la chiusura del plesso De Gasperi a seguito da un sopralluogo effettuato, per consentire che i lavori sull’impianto idrico possano svolgersi nel minor tempo possibile e senza alcun pericolo per gli alunni frequentanti la scuola. La stessa riaprirà martedì 18.
Immediata è stata anche l’emanazione dell’ordinanza. Già il giorno 9 febbraio, infatti, erano stati evidenziati problemi tecnici del plesso: deterioramento della rete di adduzione idrica, completamente corrosa, nonché di altri punti di perdita dell’impianto per cui, pur avendo assicurato il funzionamento dell’impianto termico, è emersa in tutta la sua evidenza la necessità di intervenire sugli impianti. Il sopralluogo in questione è stato effettuato in prima istanza dall’ingegnere Michele Zaccaria e successivamente dal Dirigente Scolastico ed Amministrativo dell’Istituto Comprensivo nonché dal Presidente del Consiglio di Istituto avv. Maurilio Marangio.
Inutile dire come i dirigenti abbiano avvertito la necessità di chiudere la scuola sia per la situazione precaria sotto il profilo igienico-sanitario per le perdite dell’impianto idrico, sia per la incompatibilità evidente tra la tipologia di lavori (a dir poco rumorosi) e la permanenza degli  alunni, oltre che per per rendere il cantiere pienamente utilizzabile dalla ditta appaltatrice dei lavori e quindi libero da persone e cose.
Pertanto, la chiusura del plesso scolastico è stata prevista per i giorni 13, 14, 15 e 17 febbraio del 2014 ( con conseguente sospensione del servizio mensa) per consentire una più repentina sistemazione dell’impianto idrico ed il ripristino della sicurezza per gli alunni. A gestire e coordinare i lavori sarà l’ingegnere Zaccaria ed entro lunedì prossimo sarà garantito il termine dei lavori.

LECCE – I GIOVANI SULLA GIORNATA MONDIALE ALIMENTAZIONE

Postato il Aggiornato il

“uno spreco al giorno leva il Pianeta di torno”

Schermata del 2013-10-17 12:13:15

LECCE – Oggi 16 ottobre, in occasione dell’anniversario della sua fondazione, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della fame nel mondo e promuovere un corretto e sano regime alimentare. Il tema scelto per questa edizione è “Sistemi alimentari sostenibili per la sicurezza alimentare e la nutrizione” mentre “Perdite e sprechi alimentari globali: dalla riduzione alla prevenzione per un sistema alimentare sostenibile” è il tema del convegno internazionale organizzato dal ministero degli Affari Esteri – Cooperazione Italiana allo Sviluppo, presso la sede centrale della FAO a Roma. Ed è in linea con questo obiettivo che i giovani promotori del progetto “Dieta Med-Italiana”, studenti dell’Istituto Galilei-Costa di Lecce, hanno voluto fornire alla campagna un personalissimo contributo e l’hanno fatto attraverso ciò che gli è più congeniale, la creatività e la comunicazione. Questa mattina hanno infatti concepito e concretizzato nelle prime due ore di lezione uno slogan, un sottotitolo ed un poster. Lo slogan è: “Uno spreco al giorno leva il pianeta di torno”, il sottotitolo recita “…perché spreco non fa rima con eco”, mentre il poster raffigura il pianeta terra morso a metà come una mela. L’auspicio dei giovani salentini è quello di aggiungere una voce dal basso e contribuire alla sensibilizzazione della cittadinanza al delicato tema dello spreco alimentare. image002Dello spreco alimentare se ne parla sempre di più ma forse si fa sempre di meno. Secondo il rapporto della FAO ogni anno nel mondo si buttano via 1,3 miliardi di tonnellate di avanzi, pari a un terzo di tutto il cibo prodotto: quattro volte quanto servirebbe a nutrire quasi un miliardo di persone che soffrono la fame. Tradotte in denaro le perdite ammontano a quasi 680 miliardi di dollari nei paesi industrializzati e a circa 310 miliardi di dollari per quelli in via di sviluppo. Quindi di fronte a chi non ha di che nutrirsi, c’è chi può permettersi di sprecare ogni giorno una quantità impressionante di cibo. Di fronte a questi dati, viene a tutti da pensare: “peccato”, non sapendo quanto sia azzeccata l’espressione in quanto è davvero un peccato, un peccato mortale, mortale per il pianeta. Il peso ambientale di quello che sprechiamo dipende sia da quanto sprechiamo, sia da cosa sprechiamo perché ogni alimento ha una propria impronta ambientale che dipende dalla sua filiera di produzione: lo spreco di 1 kg di carne “costa” all’ambiente 10 volte la quantità di gas serra e di azoto reattivo richiesti da 1 kg di pasta. Lo spreco di 1 kg di manzo utilizza invano 594 litri di acqua blu a fronte dei 15 litri per lo stesso quantitativo di pasta. Pertanto, anche se i cereali rappresentano il 35% della massa di cibo tipicamente sprecato, mentre la carne, alimento più caro e pregiato, ne rappresenta il 12%, i loro impatti ambientali sono comunque elevati. Il rapporto Food Wastage Footprint: Impacts on Natural Resources è il primo studio che analizza l’impatto delle perdite alimentari dal punto di vista ambientale, esaminando specificamente le conseguenze che esse hanno per il clima, per le risorse idriche, per l’utilizzo del territorio e per la biodiversità.

SAN PIETRO VERNOTICO: SCUOLE VERSO RISTRUTTURAZIONE STRAORDINARIA

Postato il

la scuola primaria Ruggero de Simone
la scuola primaria Ruggero de Simone

SAN PIETRO VERNOTICO – Le scuole sanpietrane verso la manutenzione straordinaria. A rendere nota la volontà da parte dell’Amministrazione di San Pietro Vernotico nel voler rimettere a nuovo i principali edifici scolastici del Paese è una delibera di giunta comunale in vista dell’attuazione di misure urgenti per la riqualificazione e per la messa in sicurezza delle Istituzioni scolastiche statali (con particolare riferimento a quelle in cui è stata censita la presenza di amianto). La somma da candidare allo scopo predetti è da ascriversi ai fondi statali stanziati ai sensi della Legge 9 agosto 2013 n. 98. Nello specifico, “L’assegnazione delle risorse agli enti locali” è effettuata con decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca entro il 30 ottobre 2013 sulla base delle graduatorie presentate dalle regioni entro il 15 ottobre 2013. A tale fine, gli enti locali presentano alle regioni entro il 15 settembre 2013 progetti esecutivi immediatamente cantierabili di messa in sicurezza, ristrutturazione e manutenzione straordinaria degli edifici scolastici”. La giunta comunale di San Pietro Vernotico, pertanto, ha presentato due progetti per la ristrutturazione delle scuole Don Minzoni (per un totole di 525.000 €) e De Simone (per complessivi 625.000 €).  Al momento, è stato demandato agli uffici competenti e al sindaco candidare il progetto, mentre la copertura finanziaria delle spese per la realizzazione dell’intervento sarà interamente garantita dal finanziamento. Di seguito riportiamo gli schemi dei progetti presentati.

schema progetto - scuola Don Minzoni
schema progetto – scuola Don Minzoni
schema progetto - scuola De Simone
schema progetto – scuola De Simone

 

 

LECCE CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019: IST. COSTA È AL SUO FIANCO

Postato il

Otto progetti per otto temi, il “Galilei-Costa” è con Lecce Capitale Europea della Cultura 2019

Pace, energia, ambiente, volontariato 2.0, mobilità, alimentazione sana smart city e turismo, la scuola salentina mette sul banco le carte migliori

’Istituto-Tecnico-Economico-e-Turistico-“Costa”-di-Lecce

LECCE – Non solo ha abbracciato la causa sul suo nascere, non solo ha accolto l’appello di Comune, Provincia e Ufficio scolastico, non solo ha organizzato due edizioni del Festival della Dieta Med-Italiana e altri eventi a suo sostegno, l’Istituto “Galilei – Costa” di Lecce ha preso talmente a cuore la candidatura della sua città a Capitale Europea della Cultura 2019 che ha deciso di mettere sul banco sia alcuni dei suoi progetti già consolidati che nuove e intraprendenti progettualità che possano, nell’insieme e anche se in piccola parte, contribuire a far comprendere quanto il Salento e i suoi giovani siano attivi, prolifici e dinamici. Parte quindi dal basso questo nuovo impulso, dai giovanissimi, dalla loro volontà e dal loro impegno nel volere una città ed un territorio di respiro più ampio, più europeo. Una serie di idee e di progetti che, visti uno per uno, sono tutti degni di attenzione. Come già riferito, alcuni sono operativi da anni in diversi ambiti della “cultura” (pace e tolleranza, alimentazione sana e sostenibile, ecologia e gestione rifiuti, turismo) e hanno già contribuito nel concreto allo sviluppo del territorio e della sua immagine, mentre altri sono nuovi (smart citizens, energia verde, mobilità sostenibile e una nuova forma di volontariato 2.0) e prenderanno corpo il prossimo anno scolastico.

Questa una breve presentazione dei singoli progetti:
image001GPace – Giovani per la Pace: un movimento nato nel 2008 a Lecce e promosso in tutto il Paese. Negli anni è riuscito a catalizzare l’attenzione di migliaia di giovani in ogni regione d’Italia sui temi della pace, della tolleranza e del rispetto reciproco. Ha realizzato la Bandiera della pace più grande del mondo, le campagne “Poster viventi” e “Uovo di Pace” e ha organizzato tre edizioni della “Giornata dei Giovani per la Pace”. http://www.gpace.net
image003Salento Libero dai Rifiuti e Salento EcoDay: in tema di rispetto per l’ambiente e gestione intelligente dei rifiuti, dal 2011 è attiva una campagna che si muove principalmente in tre direzioni, pulire il territorio (per cui sono state organizzate tre edizioni del “Salento EcoDay”), educare a non sporcare e incentivare il riciclo. http://www.repubblicasalentina.it/bastarifiuti
image004Alimentazione sana e sostenibile con la Dieta Med-Italiana: da oltre un anno e mezzo è attivo un programma per la divulgazione e la conoscenza dei benefici per la persona e per l’ambiente derivanti dal mangiar sano e dall’attività fisica. A sostegno della campagna sono state organizzate due edizioni del Festival della Dieta Med-Italiana, due edizioni di “BenvenOlio” e l’iniziativa “Ulivo millenario a Michelle Obama” – http://www.dietameditaliana.it/festival
image002Turismo innovativo con Rep. Salentina: a partire dal 2007 sono state ideate e realizzate un’infinità di iniziative con l’obiettivo di porre Lecce ed il Salento tra le nuove e più gettonate mete turistiche e che probabilmente hanno contribuito a far ottenere al Salento il titolo di “Territorio dell’Anno 2013”, tra cui “Formula 30-20-10”, “Salento Slow Life”, “Salento in 3D”, “Salento Animal Friendly”, “SalentoTerapia” “Vado, l’assaggio e torno”, etc. http://www.repubblicasalentina.ithttp://www.discoversalento.info
image005Smart Citizens in Smart Cities: tutti si impegnano a creare la “Smart City” ma chi si preoccupa di formare gli “smart citizens”? Questo è un nuovo ed originale piano formativo concepito per fornire sia ai giovani che agli adulti tutto il necessario “know what” e “know how” per potersi integrare nel migliore dei modi nel nuovo habitat creato dalle Smart Cities: connettività, interazione, interpolazione, etc.
Energy Fun Park e EdiSons: ideazione, progettazione e realizzazione di giochi fisici per bambini e per adulti capaci di trasformare i movimenti di gioco in micro unità di energia rinnovabile e “green”, allo scopo di arrivare ad implementare un vero e proprio parco giochi e divertimento nella città di Lecce capace di rappresentare una nuova e soprattutto divertente fonte di energia pulita.
image010Tecno Angels: è una nuova forma di volontariato giovanile definibile “2.0”, orientata a fornire semplici lezioni di base a persone anziane o poco inclini ad usare le nuove tecnologie per far sì che possano essere in grado di utilizzare il web per navigare, inviare e ricevere posta elettronica, partecipare ai social network e, in questo modo, stabilire ponti comunicativi con amici, parenti e nuove conoscenze.
image011Movimento 5 Selle: progetto che ha come scopo quello di rendere Lecce e tutti i comuni del Salento votati all’uso della bicicletta quale mezzo di trasporto prioritario in città. Ad onor del vero, il Movimento 5 Selle ha già iniziato in questo fine anno scolastico a far parlare di sé e a seminare alcune delle attività previste per il prossimo autunno. http://www.movimento5selle.it

IST. COSTA LECCE: ARRIVANO I TECNO ANGELS

Postato il

Arrivano i Tecno Angels, giovani “angeli” volontari che aiuteranno gli anziani a sentirsi meno soli

logoTecnoAngels

E’ una nuova forma di volontariato giovanile, definibile “2.0”, con studenti
tra i 15 e 18 anni che insegnano agli anziani ad usare il web ed i social network

 

LECCE – Avete presente quel detto che recita “se un uomo ha fame, non regalargli un pesce ma insegnagli a pescare”? Una possibile trasposizione ai giorni nostri potrebbe essere: “se un anziano si sente solo, non regalargli un’ora del tuo tempo ma insegnagli ad usare Internet e la posta elettronica”. Ed è esattamente questo il concetto che anima l’idea che hanno avuto alcuni studenti di una scuola italiana, l’Istituto “Galilei – Costa” di Lecce, i quali, a partire dall’anno venturo, lanceranno il nuovo servizio coniato con il nome di “Tecno Angels” e che può essere definito come una sorta di “volontariato giovanile 2.0”, ossia una forma di volontariato totalmente nuova che ha a che fare con gli anziani e con le nuove tecnologie di comunicazione. In poche parole si tratta di utilizzare (meglio dire, sfruttare) i laboratori informatici scolastici che di pomeriggio sono inutilizzati per ospitare dei corsi one-to-one (un docente, un discente) in cui i giovani studenti della scuola, in forma totalmente volontaria, diventano “prof” ed insegnano agli anziani ciò che sanno fare meglio, ossia navigare in internet, inviare e ricevere posta elettronica, utilizzare i social network, etc. OLYMPUS DIGITAL CAMERALo scopo finale di questa formazione è quello di fornire alle persone che hanno poche possibilità di interagire con altri simili le conoscenze necessarie per comunicare con parenti, amici e nuove conoscenze attraverso la rete delle reti. Ad onor del vero, l’idea non è nata dal nulla ma da una bellissima esperienza che i ragazzi hanno fatto questa primavera con un progetto curato da Coop Estense denominato “Tuttinrete” e con cui hanno avuto modo di sperimentare concretamente cosa può significare dedicare alcune ore pomeridiane a seguire da vicino la preparazione di persone anziane. L’esperienza è stata talmente emozionante e positiva che hanno quindi pensato bene di istituzionalizzare l’idea e creare un vero e proprio movimento di “angeli tecnologici” che, un domani, potrebbero operare in ogni città d’Italia. I ragazzi salentini hanno infatti intenzione di partire in proprio il prossimo autunno ma, allo stesso tempo, di creare e diffondere gratuitamente documentazione e protocolli formativi e comportamentali in maniera tale che l’esperienza possa essere facilmente seguita e copiata ovunque.OLYMPUS DIGITAL CAMERA Se ci pensiamo un attimo, oggi i giovani sono molto distanti dal concetto di volontariato “classico”, in quanto non sono per nulla inclini o disponibili ad offrire il loro tempo ed il loro aiuto nell’assistenza di persone bisognose (anziani, sofferenti, etc.), mentre risulta loro più facile diventare “docenti” e insegnare ad usare il computer e soprattutto Internet a chi non lo sa fare. I “Tecno Angels” insegneranno alle persone a tenersi informati, a comunicare e ad interagire con amici, parenti ed il resto del mondo attraverso la navigazione in rete, l’uso dell’e-mail e dei social network. In questo modo i giovani si potranno rendere utili sentendosi comunque a loro agio in quanto conoscono la materia molto bene e, al contempo, potranno diventare una vera e propria risorsa per la società. Trattandosi di volontariato, ovviamente non si parla di alcun compenso per il servizio offerto e nemmeno di alcuna spesa per i corsisti, ma vogliamo proprio vedere se la scuola che ha tra i suoi studenti tali “angeli” non sarà più che disponibile a riconoscere loro meriti scolastici e crediti formativi!

ISTITUTO COSTA LECCE