cimitero san pietro vernotico

S. PIETRO V.CO: CIMITERO, QUANTO MI COSTI?

Postato il

modificate le tariffe dei servizi cimiteriali del Comune

cimitero san pietro vernotico

SAN PIETRO VERNOTICO – Modificato il tariffario del cimitero comunale di San Pietro Vernotico. A monte di tale decisione parrebbe esserci il ben noto cambiamento di affidamento dei servizi cimiteriali che dal 2 aprile 2008 vedeva l’erogazione degli stessi da parte della ditta alla società Servizi Cimiteriali Pugliesi srl, con sede in Avellino. Quest’ultima, nello specifico, aveva l’onere della progettazione definitiva ed esecutiva dell’ampliamento del cimitero comunale e la gestione funzionale dello stesso; l’esecuzione dei lavori previsti dal progetto definitivo ed esecutivo (2.185 loculi, 65 ossari, 253 edicole, 141 cappelle) in lotti funzionali; la gestione dei servizi cimiteriali (tumulazione, inumazione, esumazione, estumulazione, traslazione); la manutenzione delle aree verdi pubbliche e di uso pubblico, la pulizia e spazzamento delle aree pubbliche e di uso pubblico, la raccolta dei rifiuti all’interno dell’area cimiteriale, la manutenzione ordinaria delle aree e degli immobili pubblici e di uso pubblico presenti nel cimitero esistente; la manutenzione straordinaria delle opere a realizzarsi; il servizio di lampade votive perpetue ed occasionali, il servizio di custodia. Con il contratto per la concessione dell’ampliamento e gestione del cimitero comunale , sono state poi stabilite le tariffe per i servizi cimiteriali, successivamente modificate a causa dell’adeguamento ISTAT. Risultavano pertanto essere le seguenti:

  • Inumazioni: € 154,94 oltre IVA;
  • Esumazioni: € 154,94 oltre IVA oltre oneri per lo smaltimento del materiale di risulta;
  • Tumulazioni: € 154,94 oltre IVA;
  • Estumulazioni: € 129,12 oltre oneri per lo smaltimento del materiale di risulta;
  • Traslazioni: € 154,94 oltre IVA;
  • Contributo installazione lampade votive: € 14,49 oltre IVA;
  • Canone annuo lampade perpetue: € 13,33 oltre IVA;
  • Tariffa per lampade occasionali: € 14,49 oltre IVA.

A seguito della determinazione dirigenziale del 3 aprile 2013, però, i servizi cimiteriali sono stati affidati alla Coop. Sociale AD MAIORA, con versamenti delle operazioni e dell’illuminazione votiva eseguiti direttamente in favore del Comune di S. Pietro Vernotico. Allo stato attuale, sono stati effettuati versamenti per circa 2.500 lampade votive, ed il Comune sanpietrano non è in grado di quantificare un rapporto preciso tra gli incassi e le spese effettivamente sostenute, ammontanti a circa € 60.000,00 per otto mesi di servizio. Allo stesso appare opportuno confermare le tariffe meglio specificate in precedenza al fine di consentire, in chiusura di esercizio, la loro esatta quantificazione. Verranno quindi adottate in via sperimentale le seguenti tariffe per i servizi cimiteriali:

  • Inumazioni: € 187,50;
  • Esumazioni: € 187,50 oltre oneri per lo smaltimento del materiale di risulta;
  • Tumulazioni: € 187,50;
  • Estumulazioni: € 156,20 oltre oneri per lo smaltimento del materiale di risulta;
  •  Traslazioni: € 187,50;
  •  Contributo installazione lampade votive: € 17,50;
  • Canone annuo lampade perpetue: € 16,10;
  • Tariffa per lampade occasionali: € 17,50.

È bene specificare che, in chiusura di esercizio, il Comune quantificherà le spese sostenute per l’espletamento di tutti i servizi cimiteriali, compreso smaltimento, pulizia, cura del verde, piccole manutenzioni ed opere di manutenzione straordinaria, ed i relativi introiti.

S. PIETRO V.CO, DEFUNTI E IV NOVEMBRE: COSTI E AFFIDAMENTO

Postato il

3mila€ al Comitato Festa Patronale

5148343156_d6af9e0eaa_o

SAN PIETRO VERNOTICO – Come consuetudine annuale, anche in questo 2013 il paese di San Pietro Vernotico si prepara alle più simboliche commemorazione novembrine: quella dei defunti e quella del 4 novembre per i caduti in guerra. Come per gli anni passati, il Comune, insieme alle parrocchie ed alle associazioni Combattenti e Reduci e Bersaglieri, Associazione Nazionale Sott’Ufficiali d’Italia commemora i defunti e caduti di tutte le guerre. Il programma delle celebrazioni che si allega alla presente è stato elaborato dal Comitato Festeggiamenti Patronali che si è reso disponibile all’attuazione dello stesso, con la prerogativa di costituire uno strumento indispensabile per tutelare e salvaguardare l’originalità del patrimonio culturale, religioso e folkloristico delle comunità locali e per consegnare alle generazioni future la memoria delle antiche tradizioni popolari. Poiché dal 1° giugno 2011 lo stesso Comitato, ha la finalità di organizzare non soltanto la festa patronale ma anche eventi socio-culturali per la promozione del territorio comunale di San Pietro Vernotico,  il finanziamento rientra tra gli obiettivi programmatici dell’Amministrazione. Pertanto, sono stati erogati 3mila€ al Comitato che è tenuto ad assicurare i servizi ed assumere gli obblighi quale soggetto responsabile dell’organizzazione e dell’allestimento delle iniziative affidate e che allo stesso compete l’onere di richiedere ed ottenere tutte le autorizzazioni, permessi, nulla osta necessari ai fini del regolare svolgimento delle iniziative in programma e di conseguenza l’obbligo di garantire l’osservanza durante la manifestazione delle normative a tutela e salvaguardia della pubblica sicurezza.

 

SAN PIETRO VERNOTICO: LAVORI URGENTI PER IL CIMITERO COMUNALE

Postato il Aggiornato il

affidati i lavori per 1220€ alla ditta sanpietrana Ad Maiora

cimitero san pietro vernotico

SAN PIETRO VERNOTICO – Dopo i tanti disagi e disservizi verificatesi presso il cimitero comunale di San Pietro Vernotico spuntano i primi lavori di aggiustamento. Seppur trattasi di lavori di superficiale entità, la delibera di riferimento indica che l ripristino di parti di intonaco ammalorato, pitturazione di alcuni muri e sistemazione di lastre di marmi verrà effettuato per “motivi di decoro e per evitare problemi alla pubblica incolumità presso il Cimitero Comunale”. Dopo una indagine di mercato per la scelta della migliore offerta dei lavori, l’Amministrazione ha optato per la ditta Coop AD MAIORA che ha offerto € 1.000,00 oltre IVA. Pertanto, è stato determinato di affidare alla ditta coop AD MAIORA  per un totale di € 1220,00 IVA inclusa, somma da attribuire al bilancio corrente 2013 in corso di formazione.

SAN PIETRO VERNOTICO – CASO CIMITERO: IL TRIBUNALE ACCETTA IL RICORSO DEL COMUNE

Postato il

i Servizi Cimiteriali Pugliesi dovrà restituire al Comune tutte le opere sinora realizzate

cimitero

SAN PIETRO VERNOTICO – Il tribunale di Mesagne accoglie con parere favorevole il ricorso presentato dal Comune di San Pietro Vernotico contro “Servizi cimiteriali pugliesi”. Dal documento di provvedimento, che alleghiamo qui sotto per dare ai nostri lettori una completa lettura dello stesso, si evince che “Servizi Cimiteriali Pugliesi” dovrà restituire immediatamente al Comune di San Pietro Vernotico tutte le opere sino ad ora realizzate nella zone del nuovo cimitero di San Pietro Vernotico, con immediata liberazione del cantiere, nonché di tutta la zona del vecchio cimitero comunale. Non solo: il tribunale condanna la resistente al pagamento delle spese processuali per complessivi euro 1.650.00, di cui euro 350,00 per spese, euro 1.300,00 per competenze, oltre IVA e CPA come per Legge.

Come si è arrivati a questo? Stando al contratto di concessione del 2.4.2008.il concessionario si obbligava, nel termine di 90 giorni della sottoscrizione della convenzione. a redirigere un programma di suddivisione dell’ intervento dei lotti funzionali e a predisporre il progetto definitivo delle opere, da eseguire nei tempi stabiliti nel programma dei lavori, costituenti parte della progettazione esecutiva. Quindi: il 1° lotto funzionale avrebbe dovuto completasi in 360 giorni; un ulteriore anno era previsto per un 2° Lotto funzionale e nel terzo anno avrebbe dovuto completarsi ii 3′ lotto funzionale. 

Invece, alla data di deposito del ricorso cautelare, la resistente non aveva consegnato un solo manufatto del prima stralcio sui quattro compresi nel primo lotto.
Il tribunale ha giudicato tutto ciò come “ritardo intollerabile, ancor più ingiustificato e grave se si considera che direttore dei lavori ha certificato che sarebbero bastati soli 90 giorni per completare i lavori.”
Non contenta, la resistente ha dedotto, a giustificazione del proprio inadempimento, l’inadempimento del Comune, il quale, con il suo comportamento colpevole avrebbe ostacolato la corretta esecuzione del contratto.

Cosa dice a riguardo il tribunale di Mesagne? Che la eccezione di inadempimento non appare fondata. Mette oltretutto nero su bianco  che: “L’inadempimento in questione, invero, non è rappresentato da un lieve ritardo nell’ ultimazione delle opere  bensì da una prolungata e ingiustificata inerzia della concessionaria, che non ha dato esecuzione non solo a tutti i lavori contrattualmente previsti  ma anche a quei lavori già esistenti e quindi realizzabili.”

E riguardo alla sospensione dei lavori?  La sospensione è intervenuta nel 2012 e quindi la concessionaria aveva già avuto a disposizione ben due anni quanto meno per ultimare i lavori del 1* lotto funzionale. Inoltre, la sospensione si è resa necessaria per ottenere ii nulla osta dell’autorità di Bacino non avendo la concessionaria provveduto ad avviare la relativa pratica. Senza considerare che in ogni caso, una sospensione di soli tre mesi in nessun modo può rilevare a fronte di un ritardo prolungatosi per anni.

LEGGI LA SENTENZA

 

 

SAN PIETRO VERNOTICO SOTTO SCACCO (?)

Postato il

PIAZZASOTTOSCACCO

SAN PIETRO VERNOTICO – I lettori di Prima Pagina sanno bene e per certo che è raro che il sottoscritto intervenga in prima persona, poiché ho sempre ritenuto che siano importanti ed essenziali le notizie e non il giornalista che le rende note. E’ di un paio di giorni fa una mail ricevuta da parte di un utente anonimo, al secolo “JonnyFrost”, che titolando il suo intervento “San Pietro Vernotico sotto scacco”, ha accusato lo scrivente e di rimando il blog in questione di fare troppa “politica”, di essere fazioso e quant’altro. Ora, con la dovuta pazienza, ho deciso di rendere pubblico il contenuto della mail considerato il fatto che il sig. Frost, volpe furba e arguta, ha preferito nascondersi dietro un sicuro ma beffardo anonimato.

Mio caro Jonny, da buon grafomane quale tu sei, non si comprendono due cose:

1) chi ha messo il paese sotto scacco? La politica? Il modo di fare informazione da me espresso? “Prima Pagina”? Se così fosse, allora, avrei già passato il Rubicone?
2) Hai mai letto “Prima Pagina” o compreso alcune scelte da me espresse anche in modo esplicito? E, poi, potresti cortesemente indicare la mia faziosità?

Lo ripeto ormai da tempo: sono un giornalista. Punto. E’ vero che la grandissima maggioranza degli italiani non comprende la qualità informativa della notizia quando ne leggono una fatta bene, tanta è la cattiva abitudine ad ingurgitarne di pessime. Però ci si potrebbe anche sforzare. Ti porto due esempi di scelta “no partisan” che ho apportato al mio format.

La prima è stata sull‘osservatorio della legalità: tante sono state le speculazioni politiche fatte sull’argomento. Speculazioni che, da giornalista, mi hanno costretto a prendere le distanze da OGNI colore politico. Puoi vedere quanto affermo QUI e QUI.
In seguito, ho apertamente evitato di pubblicare qualsiasi tipo di “botta e risposta” delle presunte segreterie partitiche poiché ho rispetto dei miei lettori e delle loro opinioni. Puoi fare un confronto con quanti comunicati (di destra, di sinistra, centro, centro campo e panchine vuote e fatiscenti) sono usciti da marzo 2013 in poi e quanti sono stati riportati su “Prima Pagina”. Nessuno!

Secondo argomento, fresco ma non di primo pelo, è quello dell’agognato cimitero di cui questa sera verranno tratte le somme. Anche QUI, come ben si evince, ho evitato ogni tipo di strumentalizzazione. Appare peregrino leggere, poi, qualche stralcio di commento su facebook da parte di consiglieri comunali che chiosano:

“Fedeli adepti dell’arte giornalistica provvederanno a darne l’annuncio, con articoli giornalistici su testate costola di burleschi albi pretori.”

Ecco, appunto. Ora si dovrebbe spiegare che:

1) la mia unica fedeltà è nei riguardi della sola tessera in mio possesso: quella dell’ordine dei giornalisti, a differenza di qualche personaggio pubblico (anche ex) che, magari nel corso degli anni, hanno cambiato il colore alla loro (di ben altra natura) più di una volta a seconda di questo o di quell’assetto amministrativo
2) vorrei sottolineare, nonostante non ce ne sia bisogno, che “Prima Pagina” non è una testata ma un semplice e libero blog ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001; benché meno è una costola di alcuna segreteria partitica né mai lo sarà. Magari qualcuno dovrebbe contarsi le proprie, di costole, perché poi, chissà, ne avrà donata più di una nel corso della storia biblica: dalla pietra di Pietro al Sacro Romano Impero.

Caro JonnyFrost, sai cos’è di difficile comprensione? Che la notizia, quando è notizia, non coopera con nessuno né tanto meno rasserena. Anche il tema sul cimitero: si può mai far capire che determinati argomenti non hanno colore, non si possono leggere e/o interpretare secondo una lettura di destra o di sinistra? Non sono un politico, sono un giornalista e mi affido alla lettura dei documenti e, come in questo caso, di sentenze. E’ il mio lavoro. Punto.
Altro dramma è che, quando dai una notizia che non corrisponde alle aspettative di qualcuno, questi signori si arrabbiano terribilmente e non si preoccupano nemmeno di verificare se è vera o se è falsa. Se la prendono con te perché l’hai data perché, secondo il loro bislacco modo di vedere la realtà, sei sempre al servizio di qualcuno contro qualcun altro. Ovviamente è oltremodo divertente vedere al servizio di chi veniamo identificati, perché capita nello stesso giorno di essere al servizio della maggioranza e dell’opposizione. Le dichiarazioni rilasciate sia da te, sia su facebook da terze persone, ci fanno ricordare come le tifoserie non esistono soltanto nelle squadre di calcio. Anche perché è difficile confutare una notizia, quando è notizia e quando si fonda su documenti di dominio pubblico: è sempre più facile dire “vabbé tanto tu sei dalla parte di tizio, lavori per lui”. Questo atteggiamento è emblema di un altro psicodramma: che le notizie non si vogliono nemmeno sentire, l’importante è continuare a cincischiare.

Su una cosa devo darti atto, JonnyFrost: l’ottima scelta del tuo nickname, che fa intravedere la tua cultura fumettistica. Per i lettori che non lo conoscono, Jonny Frost è un personaggio della DcComics, braccio destro della più celebre nemesi di Batman: Joker. Caro Jonny, devo però fare un ulteriore appunto: se conosci il personaggio conoscerai anche la sua triste storia: viene trucidato dal suo stesso mandante: Joker. Ecco, vorrei che tu stessi attento al tuo, di superiore…non si sa mai, per lo meno vedremo chi lancerà l’ultima risata. Frattanto io, giornalista, ascolto e osservo.

tumblr_mlq3pzA6UM1rhzwo2o1_500

SAN PIETRO VERNOTICO: SABATO INCONTRO IN PIAZZA PER CONOSCERE LA VERITÀ SUL CASO “CIMITERO”

Postato il

il caso cimitero e le “verità svelate”

sabato 4 maggio, ore 19:30, il Comune incontra la cittadinanza in piazza del Popolo

largo Cimitero - San Pietro Vernotico -
largo Cimitero – San Pietro Vernotico –

SAN PIETRO VERNOTICO – Sabato 4 maggio verrà finalmente (?) svelata la reale situazione sul cimitero comunale di San Pietro Vernotico. A renderlo noto, un “promemoria” volantinato che ha già fatto il giro del paese. I lettori di “Prima Pagina” sanno quanto accaduto di recente in seno alla questione di cui sopra, essendocene occupati nel dettaglio. I manifesti non preannunciano nulla sulla notizia più calda del tema, decisione che sicuramente ha del ragionevole. E’ probabile che l’attuale situazione si sia sbloccata dopo l’ordinanza che il sindaco Rizzo ha firmato inseguito al mancato impegno assunto dalla società ( pur essendo decorsi ben cinque anni dalla stipula del contratto in questione), ossia quello di consegnare il primo lotto  funzionale di loculi in tempi compatibili con le esigenze e del tasso di mortalità consegnando 80 loculi (nella misura del 15% di quelli costruiti annualmente) gratuitamente al Comune. 

 

SAN PIETRO VERNOTICO: MANCANO LOCULI, ALLARME CIMITERO

Postato il

“avvalersi di forza pubblica se manca collaborazione”

largo Cimitero - San Pietro Vernotico -
largo Cimitero – San Pietro Vernotico –

SAN PIETRO VERNOTICO – Nuovo allarme cimitero. Nonostante l’impegno assunto dalla società di consegnare il primo lotto funzionale in tempi compatibili con le esigenze e del tasso di mortalità e di consegnare 80 loculi (nella misura del 15% di quelli costruiti annualmente) gratuitamente al Comune, a tutt’oggi la ditta non ha ultimato un solo loculo pur essendo decorsi ben cinque anni dalla stipula del contratto in questione. “La grave inadempienza della società” – si evince dagli ufficiali documenti deliberativi – “che aveva l’obbligo di gestire anche il cimitero vecchio, sta creando situazioni di grande difficoltà sotto il profilo non solo gestionale ma anche di ordine igienico sanitario, non essendoci più di fatto loculi disponibili nel cimitero vecchio per cui, qualora dovessero verificarsi decessi di persone non titolari di cappelle private, vi sarebbe la difficoltà a consentire una degna sepoltura ai deceduti”. Proprio per questo, è stato avviato il procedimento di risoluzione contrattuale, anche se la società non ha attualmente consegnato le aree cimiteriali (vecchia e nuova), ed i lavori per al realizzazione di loculi, cappelle ed edicole nella zona nuova sono di fatto immotivatamente sospesi da un anno circa. Importante è stata la relazione tecnica a firma dell’architetto D’Anna, da cui si evince che :

da un attento esame degli spazi esistenti nella zona del vecchio cimitero sono stati individuati
spazi utili che, pur non consentendo una nuova cubatura, possono essere finalizzati alla
collocazione di strutture di facile ed immediata realizzazione, in materiale già prefabbricato;

in particolar trattasi di una edicola di proprietà comunale già realizzata (censita nella allegata
planimetria con il numero 3) con l’inserimento nella stessa di nr.8 loculi prefabbricati sfruttando le
pareti laterali a ridosso delle quali vi sono loculi realizzati negli anni precedenti;

trattasi di intervento di completamento su edificio esistente senza creazione di volumetrie e/o
superfici impermeabili e senza aumento della pericolosità per le aree circostanti.

Per poter consentire la sepoltura dei prossimi defunti, per Comune di San Pietro Vernotico, pur sussistendo una gravissima inadempienza della società concessionaria ha il dovere di garantire il servizio di tumulazione ed inumazione, è indispensabile e necessario adottare un provvedimento che ordini la collocazione degli spazi. Per tale motivo ha ordinato a “Servizi Cimiteriali Pugliesi Soc. Consortile” di  provvedere a inserire nella edicola ubicata nell’are cimiteriale esistente (vecchio cimitero) nella zona nord est e classificata con il numero 3 nr. 4 + 4 loculi cimiteriali scatolari autoportanti  le opere in questione devono essere iniziate entro 48 ore dalla notifica ed ultimate nel termine di gg.5 lavorativi. In caso di mancato invio della pec ovvero di risposta negativa in merito alla volontà di dare esecuzione alla presente, l’Ing. Michele Zaccaria è incaricato di dare esecuzione alla stessa avvalendosi, ove necessario, qualora non vi sia collaborazione della società concessionaria, della forza pubblica. L’ Arch. D’Anna è incaricato di procedere senza indugio al deposito di quanto necessario per dare seguito ai lavori, inoltrando immediatamente il tutto alla competente Autorità di Bacino, Trattandosi di ordinanza contingibile ed urgente in materia di igiene e tutela della pubblica incolumità, gli interventi volti ad evitare, nonostante le inadempienze, i profili igienico sanitari più volte evidenziati, si avverte che la mancata esecuzione della presente rappresenta comportamento.