istituto costa lecce

LECCE – DAL “COSTA” LA PROPOSTA DI VINCENZO: VIDEO ‘VISIBILI’ AI CIECHI

Postato il

Sono più di 100 i video pubblicati con la semplice ma rivoluzionaria idea di Vincenzo Rubano

 

image006LECCE – Oggi ricorre la Giornata Internazionale dei Diritti dei Disabili e proprio oggi un disabile molto abile ha qualcosa da dire a proposito di diritti. Dopo aver creato “Ti Tengo d’Occhio” (www.titengodocchio.it), il sito/servizio di denuncia di programmi e siti inaccessibili, e dopo aver lanciato l’idea tanto semplice quanto rivoluzionaria su come si possono rendere “visibili” i video ai ciechi, Vincenzo Rubano, lo studente non vedente dell’Istituto “Galilei Costa”, raccoglie oggi frutti e grandi soddisfazioni dal suo operato. Sono infatti oltre 100 i video pubblicati in rete che sono stati sottoposti alla tecnica proposta da Vincenzo e battezzata con la sigla “V4B – Video4Blind”, la quale prevede semplicemente l’aggiunta di alcuni piccoli accorgimenti che hanno però il potere di rendere comprensibili ai non vedenti i video pubblicati in rete, soprattutto quelli che si basano su pochi testi e “parlano” principalmente attraverso il linguaggio delle immagini.
Nella lunga lista di video aggiornati con Video4Blind ci sono quelli pubblicati dalla Provincia del Medio Campidano (Sardegna), quelli di Claude Almansi, quelli della C9 WebTV, quelli di un super fan dei New Trolls, etc., e, oltre naturalmente ai video pubblicati da Vincenzo e dalla sua scuola, ci sono anche ben dieci video ufficiali del canale Youtube dell’Istat.
Per avere una visione chiara della questione, usiamo un facile esempio. Tutti abbiamo presente lo spot della Apple che reclamizza l’iPad Mini attraverso le tastiere del pianoforte, proviamo a “rivederlo” ad occhi chiusi, un non vedente sente solo della musica, punto e basta. Se invece quello stesso video su Youtube avesse nella descrizione un testo del tipo:
“Lo spot inizia con la visione di un iPad che ha sullo schermo una tastiera musicale su cui due dita iniziano ad intonare la base di un brano, dopo pochi secondi viene spinto nell’inquadratura un secondo iPad, più piccolo, nella versione “mini”, sempre con la visione di una tastiera, su cui un altro dito intona le note soliste a completamento del brano. Lo spot termina con una schermata su cui c’è scritto iPad Mini.”
In pratica, questa è l’intuizione di Vincenzo e la soluzione per risolvere questi limiti di accessibilità è di una semplicità impressionante ma capace di portare ad una vera e propria rivoluzione mediatica. Il processo di “accessibilizzazione” dei video proposto da Vincenzo consiste praticamente in tre piccole operazioni a carico di chi ha pubblicato o intende pubblicare un video:

1. Aggiungere in coda al titolo del video la sigla (V4B);

2. Aggiungere nell’area “descrizione” che ogni video ha, un breve testo che racconti a parole ciò che viene espresso con le immagini;

3. Aggiungere fra i “tag” del video la sigla V4B Video4Blind.
Queste tre semplici azioni possono essere fatte da chiunque: non servono conoscenze tecniche, né tantomeno spese aggiuntive. In questo modo i non vedenti potranno sapere immediatamente e facilmente se il video è descritto oppure no, sarà infatti sufficiente leggere il titolo, e, cosa ancora più importante, potranno addirittura cercare tutti i video “accessibilizzati” semplicemente inserendo “V4B Video4Blind” nel motore di ricerca di Youtube, Vimeo o qualsiasi altra piattaforma.
Questo invece è un esempio di video “accessibilizzato”. E’ uno spot realizzato dagli studenti dell’istituto leccese e pubblicato su Youtube. Il promo è un tipico esempio di video che basa tutto il suo “messaggio” sul linguaggio visivo in quanto non prevede alcun “parlato”. Un non vedente, accedendo allo spot, riesce a capire solo che ci sono diversi sfondi musicali e assolutamente nulla altro, mentre leggendo la descrizione (attraverso gli “screen reader”), ha la possibilità di farsi un’idea precisa di ciò che gli altri vedono con gli occhi.

Annunci

LECCE: IST. COSTA E’ LA SCUOLA PIÙ PREMIATA D’ITALIA

Postato il

Studenti del Galilei Costa primi assoluti
all’International Global Junior Challenge

ROMA – Metti un concorso internazionale sull’innovazione digitale, metti una giuria composta da super esperti, metti 90 progetti concorrenti provenienti da 32 paesi e dal resto d’Italia e poi metti, infine, la creatività e le capacità informatiche e comunicative di 25 studenti di Lecce, …risultato? La “Dieta Med-Italiana” del Galilei Costa è vincitore assoluto.
Il concorso in questione è il “Global Junior Challenge”, una competizione internazionale biennale che premia l’uso innovativo delle tecnologie per l’educazione e l’inclusione sociale. Complessivamente, nelle 7 categorie previste, le idee e le 402 candidature sono state valutate da una giuria internazionale composta da 51 esperti. Gli 81 finalisti hanno portato contributi per l’educazione del 21° secolo, per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, ma anche per lo sviluppo sostenibile dell’ambiente e per l’integrazione di migranti e rifugiati. La finale si è svolta dal 17 al 19 ottobre presso la prestigiosa sede del Campidoglio in Roma.
Promosso da Roma Capitale, il concorso è organizzato dalla Fondazione Mondo Digitale sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri. Quest’ultima edizione del 2012 ha visto complessivamente, nelle varie categorie, la partecipazione di 402 progetti provenienti da 19 paesi. Nella categoria “fino a 18 anni”, erano in gara 90 progetti provenienti da ogni parte del mondo (Belgio, Olanda, Egitto, Brasile, Ungheria, Nepal, etc.) e da tutta Italia.
La giuria ha decretato come vincitore il progetto presentato dagli studenti della classe 4°B del “Galilei Costa” di Lecce dal titolo “Web promotion della Dieta Med-Italiana”, che ha come obiettivo quello di promuovere su scala mondiale lo stile alimentare e di vita italiano (conosciuto come Dieta Mediterranea) attraverso la creatività più sfrenata e l’approfondito e capillare uso delle ICT, ossia delle potenti ed innovative tecnologie di comunicazione digitale. Con quest’ultimo riconoscimento, l’istituto pugliese conferma anche per il 2012 il titolo di “scuola più premiata d’Italia”.
Giovedì scorso, 18 ottobre, i diciotto finalisti hanno presentato a turno i propri progetti alla giuria, composta da nove esperti di innovazione digitale, ed è toccato agli studenti Stefano Colella, Jacopo De Mattia e Francesco Mariano, in rappresentanza di tutta la classe, accompagnare i giudici lungo il percorso creativo ed implementativo della “Dieta Med-Italiana” del Galilei Costa. Il giorno successivo, venerdì 19, presso la prestigiosa Sala della Protomoteca del Campidoglio, alla presenza del sindaco di Roma Gianni Alemanno, la giuria si è pronunciata e ha dichiarato proprio il progetto dei ragazzi salentini vincitore per la categoria “fino a 18 anni”. A consegnare il prestigioso titolo insieme alla medaglia del sindaco e a complimentarsi con gli studenti sono stati i dirigenti della Fondazione Mondo Digitale, Mirta Michilli, Gennaro Sangiuliano e Alfonso Molina, e la vice sindaco di Roma Sveva Belviso.
A pesare sul voto della giuria e a far vincere la “Dieta Med-Italiana” hanno contribuito diversi elementi (come si può leggere nella motivazione sotto riportata) tra cui il sapiente uso delle nuove tecnologie di comunicazione, l’aver creato delle opportunità di lavoro per i giovani, l’aver individuato come leva per la ricrescita del Paese la “tripla A” di agricoltura, alimentazione e ambiente e, infine, l’aver avuto l’idea di assegnare a Michelle Obama un ulivo salentino di 1.400 anni come premio per l’impegno profuso in America a favore della Dieta Mediterranea, una genialata dal forte impatto mediatico. A quest’ultimo proposito, fra pochissimi giorni e precisamente sabato 27 ottobre, si raccoglieranno le olive dell’albero “La Regina” e, nella stessa giornata, si produrrà e si imbottiglierà l’ottimo olio extravergine d’oliva destinato a condire l’alimentazione dell’intera famiglia Obama, …sia che resti alla Casa Bianca che in caso contrario!
Questa la motivazione della giuria:
Per aver saputo sapientemente valorizzare la tradizione dei prodotti della nostra terra con l’innovazione offerta dalle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) e per aver creato un’opportunità di lavoro per i giovani del territorio. Progetto ambizioso, con l’obiettivo di aumentare l’export nel settore agroalimentare e stimolare la ripresa dell’economia reale basata sulla “tripla A”: agricoltura, alimentazione e ambiente, che trova il suo punto di forza sulla promozione della Dieta Mediterranea. Gli autori hanno curato, nei minimi particolari, tutti gli aspetti comunicativi che accompagnano la promozione di un’idea; di un prodotto. Partendo dalla creazione e registrazione di un marchio, gli autori del progetto hanno utilizzato strumenti innovativi come quelli offerti da internet (sito web, blog, social network, mail, …), ma anche idee tradizionali sempre efficaci, come quella di organizzare il “Festival della Dieta Med-Italiana” per diffondere un corretto e sano stile e regime alimentare e promuovere la vendita all’estero dei prodotti agroalimentari locali. Tra tutte le idee spicca l’idea, a forte impatto mediatico, di aver donato con l’assegnazione onoraria alla First Lady USA Michelle Obama un ulivo ultramillenario salentino quale riconoscimento per tutta l’attività svolta negli Stati Uniti a favore della Dieta Mediterranea attraverso la sua iniziativa “Let’s Move”. Un esempio da seguire per altre iniziative atte a promuovere e valorizzare prodotti, beni e tradizioni di un Paese.”

LECCE: GLI STUDENTI DEL “COSTA” INCONTRANO IL MINISTRO PROFUMO

Postato il

gli studenti dell’ Istituto Costa

ROMA –  Ieri mattina ha avuto luogo la prima edizione di “iSchool”, un evento (non c’è modo migliore per definirlo) organizzato presso il Palalottomatica promosso da World Wide Rome ed il MIUR in collaborazione con Asset-Camera e Tecnopolo in cui, alla presenza del ministro Profumo e di oltre 4000 giovani, sono stati presentati progetti e esperienze fatte da studenti e docenti italiani che inventano la scuola di domani. Ad ipotizzare come dovrà essere la scuola del terzo millennio ci hanno pensato personaggi di fama internazionale come Bunker Roy, educatore e attivista indiano le cui visioni stanno cambiando la scuola del mondo per renderla sempre più competitiva, lo scrittore Alessandro Baricco, il professore Roberto Vecchioni mentre il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo, anziché tenere un suo personale discorso da “politico”, ha preferito rispondere sia alle domande dei presenti, formulate da studenti, docenti, dirigenti e giornalisti, che a quelle giunte dagli utenti del web. Ma i veri protagonisti sono state le esperienze innovative e all’avanguardia realizzate su tutto il territorio. Come quella di Federico Morello, 17 anni, che racconta come sia riuscito a portare la banda larga nel suo piccolo paese del Friuli e quella di Matteo Boero, giovane start upper, ideatore di “Cicero” e che ha appena lanciato “Eugenio”. E poi “Oilproject”, la più grande scuola virtuale in Italia con 250 mila studenti connessi negli ultimi 12 mesi, ideata e sviluppata da Marco De Rossi, e ancora l’esperienza del preside di Brindisi, Salvatore Giuliano, che con “Book in Progress” è riuscito ad avviare una rete nazionale di contenuti scolastici digitali condivisa da più di 70 scuole. E poi, personalmente invitati dal MIUR, Direzione generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione, presenti anche glistudenti e le studentesse della classe 4B dell’Istituto “Galilei Costa” di Lecce, meritevoli di aver dimostrato come, attraverso il progetto di comunicazione denominato “Dieta Med-Italiana”, con l’uso intelligente e appropriato delle ICT si possono raggiungere risultati inimmaginabili per una scuola, come l’essere riusciti a far conoscere a 30 milioni di persone al mondo una loro importante iniziativa (l’assegnazione a Michelle Obama di un ulivo salentino di 1.400 anni, notizia diramata dagli studenti e poi pubblicata da Msn e Yahoo in Usa, Sky in Australia, etc.). Progetto che ha permesso alla classe di accedere alla finale del concorso internazionale “Global Junior Challenge” che avrà luogo la prossima settimana. Inoltre gli stessi studenti il giorno prima, martedì 9 ottobre, hanno anche partecipato al workshop/contest “Hack4School”, un hackathon di 9 ore, dalle 15 a mezzanotte, in cui bisognava ragionare sulle necessità e sui desideri di chi vive la scuola e sulle possibilità che le tecnologie digitali offrono per realizzarle, per poi presentare una propria proposta. Al termine della “corsa”, i ragazzi salentini hanno presentato un progetto intitolato “Piano B: la via di fuga daquesta scuola” in cui hanno ipotizzato un nuovo modo di fare lezione, videoregistrando le spiegazioni e corredandole di quesiti/risposte, filmati e documenti ausiliari. Il tutto implementato su una nuova piattaforma (simile a Facebook) con una sorta di micro social network che include solo i docenti e gli alunni di una classe. Un sistema, insomma, che parla con la lingua dei giovani.

C.S.  istituto Costa – Lecce – 

 

IL SALENTO INVITA LA FIRST LADY AL “MED-ITALIAN DIET DAY”

Postato il

Michelle Obama

LECCE – Dopo l’atto ufficiale di assegnazione onoraria dell’ulivo di 1.400 anni denominato “La Regina” alla First Lady Usa Michelle Obama firmato la primavera scorsa, è giunto il momento di passare, come dire, alla sostanza e per sabato 27 ottobre 2012 è stata infatti fissata la data per celebrare il “Michelle Obama Med-Italian Diet Day”, ossia la giornata in cui saranno raccolte le olive del “suo” albero, saranno molite e sarà prodotto e imbottigliato l’ottimo olio extravergine destinato a condire per un anno la vita della famiglia Obama.
Arriva così a compimento la promessa fatta il 25 maggio scorso, quando, nell’ambito del Festival della Dieta Med-Italiana, la Provincia di Lecce, l’Istituto Costa, la Camera di Commercio, la Coldiretti, la Cooperativa Sant’Anna e la proprietaria dell’albero, la sig.ra Ines Maria Antonucci, hanno firmato l’atto di assegnazione e hanno annunciato che tutto l’olio nuovo che sarebbe stato prodotto dall’ulivo ultramillenario di Michelle Obama sarebbe poi stato consegnato alla First Lady e alla sua famiglia.
Michelle Obama e le sue due figlie hanno già ricevuto l’invito ufficiale da parte della Provincia di Lecce ma, dato che le elezioni presidenziali americane avranno luogo proprio nella settimana successiva, e precisamente il 6 novembre, probabilmente la First Lady sarà impegnata al fianco del marito, a meno che una visita in Europa non possa addirittura contribuire in qualche modo alla campagna elettorale. Sono stati invitati a partecipare in prima persona alla particolare iniziativa del 27 ottobre anche l’ambasciatore americano a Roma David Thorne ed il console generale a Napoli Donald L. Moore.
Ad accogliere gli illustri ospiti e a curare la giornata saranno i promotori dell’iniziativa, Antonio Gabellone e Francesco Pacella (rispettivamente presidente e assessore all’agricoltura della Provincia di Lecce), Addolorata Mazzotta (dirigente dell’Istituto Galilei Costa) con i docenti della scuola referenti del progetto “Dieta Med-Italiana”, Alfedo Prete (presidente della Camera di Commercio), Pantaleo Piccinno (presidente di Coldiretti Lecce), Michele Doria (presidente della Cooperativa Sant’Anna), Ines Maria Antonucci (proprietaria del terreno che ospita l’albero monumentale), il tutto insieme alle autorità locali quali il Prefetto Giuliana Perrotta, il sindaco di Lecce Paolo Perrone, il sindaco di Vernole Mario Mangione, il delegato provinciale all’istruzione Antonio Del Vino e la dirigente dell’ufficio scolastico provinciale Marcella Rucco.

l’ulivo secolare donato alla FIrst Lady

Questo importante evento è inserito nel contesto dell’ “Autunno della Dieta Med-Italiana”, una ricca kermesse di iniziative che, nei prossimi mesi di ottobre, novembre e dicembre contribuiranno ad accentuare l’interesse degli esperti e del pubblico sulle proprietà e sui benefici della Dieta Mediterranea nostrana.
Sabato 27 ottobre, quindi, a partire dal mattino, gli studenti della classe 4B dell’Istituto Costa (da quest’anno “Istituto Galilei Costa”) con la partecipazione di una rappresentanza di alunni delle scuole elementari e medie di Vernole e con la guida e l’aiuto dello staff esperto di Coldiretti Lecce, raccoglieranno tutte le olive della “Regina”, le quali saranno poi trasportate presso il frantoio della Cooperativa Sant’Anna di Vernole dove saranno molite e dove sarà prodotto ed imbottigliato, sempre in giornata, il preziosissimo nettare d’oro verde.
Ricordiamo che il motivo per cui le autorità del territorio salentino hanno deciso di riservare a Michelle Obama un tale “premo” risiede nel grande impegno con cui in questi ultimi anni la First Lady si è prodigata a promuovere in America, soprattutto alle nuove generazioni e alle famiglie, uno stile di vita basato sui dettami della Dieta Mediterranea attraverso il suo movimento “Let’s move!”. Uno stile di vita che comprende sia una sana e buona alimentazione che una maggiore e più intensa attività fisica. Il prestigioso riconoscimento è carico di significati, a partire dal simbolo “ulivo” in sé, che rappresenta da sempre un emblema di pace, di fratellanza e di sostenibilità ambientale. Non meno importante poi l’età della pianta, stimata ad essere non inferiore a 1.400 anni, che così rappresenta una grande icona di importanza storica e italiana.

c.s. Ist. Costa  Lecce

LECCE: LA SCUOLA E’ FINITA, IL LAVORO NO

Postato il

Gli studenti del “Costa” riuniti per pianificare le mosse per l’autunno

LECCE – Sabato mattina, ad una settimana esatta dalla fine delle lezioni, c’è stato ancora un ultimo, ulteriore “appello” per gli studenti e le studentesse della classe 3B (futura 4B) dell’Istituto Costa di Lecce, che sono tornati informalmente nella loro aula per pianificare il futuro lavoro che dovrà essere svolto durante l’estate e che dovrà vedere i frutti in autunno. «Trovarci ai primi di settembre, all’inizio del prossimo anno scolastico, sarebbe stato troppo tardi per le cose che abbiamo in mente e che dovranno essere realizzate già ad ottobre e a novembre – sostiene Evelina, una delle studentesse coinvolte – così abbiamo preferito trovarci subito con i nostri prof e cominciare in anticipo a chiarirci le idee su cosa fare e sulla distribuzione dei compiti da svolgere durante il periodo estivo. Il successo e la considerazione che abbiamo ricevuto questa primavera per il Festival della Dieta Med-Italiana ci ha gasato e ci ha dato la conferma che la strada scelta è quella giusta e quindi vogliamo darci dentro con tutte le nostre forze e non fermarci. Sentiamo il peso di ciò che abbiamo creato e non vogliamo venir meno alle aspettative che ruotano intorno al nostro progetto.» Idee chiare, lungimiranza e senso pratico, queste probabilmente sono le principali virtù di questi giovani che ce la stanno mettendo tutta per promuovere a 360 gradi il comparto agroalimentare italiano attraverso il nuovo brand “Dieta Med-Italiana”, il loro particolarissimo progetto che vede la ricrescita ed il futuro del meridione e dell’Italia intera nell’ormai famosa “tripla A” degli studenti, ossia agricoltura, alimentazione e ambiente. Dall’incontro di sabato mattina è scaturita ancora una volta una grande volontà a continuare a lavorare e a progettare, anche durante il periodo estivo. Di sicuro in autunno non ci sarà un altro “Festival” come quello di fine maggio (che invece sarà ripetuto l’anno venturo), ma ci saranno un’infinità di piccoli e grandi eventi che avranno luogo durante l’intero periodo e che proporranno con forza e determinazione il territorio salentino e pugliese agli occhi del resto d’Italia e di tutto il mondo come uno dei luoghi più interessanti per quanto concerne la vivacità produttiva agroalimentare ed il rispetto della sanissima dieta mediterranea italiana. Tra questi eventi sono già confermati la seconda edizione di “BenvenOlio” (manifestazione ideata per dare il benvenuto all’olio novello) e la raccolta delle olive dall’albero “La Regina” assegnato alla First Lady USA Michelle Obama e la conseguente produzione e spedizione alla Casa Bianca del suo preziosissimo nettare d’oro. «Non sappiamo ancora con esattezza quanti eventi comprenderà il nostro “Autunno della Dieta Med-Italiana” – racconta Andrea, un altro componente della 3B – di sicuro saranno tanti e saranno tutti importanti e di grande impatto. Lo scopo è sempre quello di creare situazioni tali da far venire qui da noi quanta più gente possibile durante tutto l’autunno, dal resto d’Italia e, soprattutto, da paesi esteri come la Gran Bretagna, la Germania, la Russia, l’Austria, l’Olanda ed il Belgio. Naturalmente saranno i prodotti di stagione a farla da padrona, l’olio, il vino, i formaggi e tutti i nostri ortaggi tipici. Siamo sicuri che, a furia di insistere sulla qualità e sulla naturalezza dei nostri prodotti, sia della terra che del mare, il mondo intero presto prenderà coscienza che questo è uno dei territori più interessanti per la sua tradizione agricola e culinaria» «Nascosti e ben celati in questi progetti – conclude Giorgio – c’è poi sempre la nostra “fissa” per il turismo destagionalizzato. Infatti se le nostre azioni andranno in porto si avrà come conseguenza diretta una grande quantità di persone che giungeranno nel Salento spinti dalle motivazioni legate all’agroalimentare ma che, a tutti gli effetti, sono dei veri e propri viaggiatori e turisti. Sappiamo già che saranno i fine settimana i periodi più proficui in termini di arrivi ed è per questo che concentreremo la maggior parte degli eventi proprio durante tutti i weekend di ottobre e novembre 2012.»

comunicato stampa Ist. Costa Lecce

SCUOLA & DIETA MED-ITALIANA: RISULTATO POSITIVO

Postato il

LECCE – E’ passata una settimana dalla chiusura dei lavori del Festival della Dieta Med-Italiana, l’edizione zero di una ricca kermesse dedicata al regime alimentare e allo stile di vita più sano, equilibrato e sostenibile che ci sia, ed è tempo di bilanci. Un festival ideato e promosso dagli studenti della classe 3B dell’Istituto Costa di Lecce, sostenuto dalla Provincia di Lecce, dalla Camera di Commercio locale e dal Comune di Lecce, patrocinato dal Ministero dell’Agricoltura e da Puglia Promozione, e realizzato con la collaborazione fattiva dell’INRAN di Roma, della Regione Puglia, dell’ASL Lecce/SIAN, dei GAL “Terra d’Arneo” e “Capo di S. Maria di Leuca”, di Cia, Coldiretti e Confindustria, e dell’Istituto Tecnico Agrario “Presta”.
Fare un bilancio, si sa, significa redigere le negatività e le positività, le pecche e gli obiettivi raggiunti e, a questo proposito, gli studenti leccesi preferiscono lasciare agli altri l’immancabile e nutrita carrellata di critiche e manchevolezze (già iniziate da tempo, a dire il vero) ed esprimere invece in chiaro qualcuno dei punti messi a segno e dei risultati positivi conseguiti.
Intanto va detto che il Festival della Dieta Med-Italiana si è svolto a Lecce dal 24 al 27 maggio scorso e che:
– grazie alla collaborazione della Camera di Commercio di Lecce, in persona del presidente Alfredo Prete, e della Camera di Commercio Italo-Orientale, giovedì 24 maggio alcune tra le migliori aziende locali del settore agroalimentare hanno incontrato importanti buyer operativi sui mercati nazionali ed internazionali e hanno dato vita a nuovi e prestigiosi rapporti commerciali;- sono giunti in città gruppi di giornalisti, food bloggers e delegazioni, arrivati dal resto d’Italia, dalla Germania, dalla Russia, dall’Argentina, dall’Inghilterra e dalla Svizzera per scoprire, conoscere, apprezzare (…e augurabilmente pubblicare) i prodotti locali di stagione e la cucina di tradizione ad essi ispirata;- gli alberghi di Lecce e molti b&b hanno registrato il tutto esaurito per l’arrivo di turisti, in gruppi e singoli, giunti dal resto d’Italia e da quasi tutti i paesi europei appositamente attratti dal programma del Festival; – gli esperti dell’INRAN di Roma (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) hanno potuto incontrare studenti di diverse età e trasmettere loro informazioni e consigli sull’importanza di una corretta alimentazione; – i responsabili del SIAN dell’ASL Lecce, attraverso un’apposita postazione attrezzata, hanno incontrato le famiglie dei visitatori ed i loro figli per effettuare controlli in loco e fornire utili consigli su come correggere eventuali errori nutrizionali e comportamentali;- le migliori aziende agricole del territorio, di produzione e di trasformazione, attraverso gli spazi espositivi nella centralissima piazza Sant’Oronzo e attraverso i mercatini di Campagna Amica, hanno potuto offrire a migliaia e migliaia di visitatori informazioni, dimostrazioni e degustazioni relative a tutti i loro prodotti naturali e a km zero;- Coldiretti Lecce ha organizzato un importantissimo incontro sul delicato tema del rapporto tra agricoltura e artigianato ed i giovani, con la prestigiosa presenza del presidente nazionale di Coldiretti Giovani Vittorio Sangiorgio;- presso gli spazi espositivi allestiti da CIA Lecce, il pubblico visitante ha potuto incontrare e conoscere alcune tra le migliori Masserie didattiche del territorio ed i “Custodi” della tradizione rurale locale, anziani che hanno scritto con il proprio sudore e con i propri calli la storia dell’agricoltura salentina;- le scuole di cucina e le Masserie più prestigiose del territorio hanno organizzato mini corsi di cucina della tradizione salentina e mediterranea;- è stato presentato in anteprima il particolarissimo “PanSorriso”, il dolce salutare per antonomasia, realizzato da Giovanni Venneri con olio Adamo e miele al posto di burro e zucchero e tanti altri ingredienti naturali, sani e a km zero;- ha avuto luogo il secondo importante passo concreto verso il “Protocollo dei Due Mari” tra il Comune di Vibo Valentia ed il Comune di Lecce;- è stato assegnato alla First Lady Usa Michelle Obama l’albero d’ulivo ultramillenario “La Regina” e la notizia è stata letta da oltre 13 milioni di persone in tutto il mondo; – è giunta una medaglia di merito da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed il prestigioso Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; – tutto nasce in una scuola superiore, da un gruppo di 20 studenti ed i loro docenti. Gli studenti leccesi sentono la necessità, oltre al piacere, di ringraziare Francesco Pacella (assessore alle risorse agricole della Provincia di Lecce), per essere una gran bella persona prima ancora di un ottimo amministratore, Antonio Gabellone (presidente della Provincia di Lecce) per la cortesissima attenzione e disponibilità, Dario Stefàno (assessore alle politiche agricole della Regione Puglia) per la disponibilità dimostrata, Alfredo Prete (presidente della Camera di Commercio di Lecce) per la fattiva collaborazione, S.E. Giuliana Perrotta (Prefetto di Lecce) per il prestigioso appoggio, Paolo Perrone e Massimo Alfarano (sindaco e assessore uscente del Comune di Lecce) per la gentilissima considerazione. Se non fossero così tanti, meriterebbero i ringraziamenti personali anche tutti i responsabili delle istituzioni e delle aziende sinora menzionati, senza la loro fattiva e preziosa collaborazione l’evento non sarebbe stato il “Festival della Dieta Med-Italiana”. Progetti futuri? Tanti. Considerando che il Festival non è altro che uno degli strumenti attraverso i quali gli studenti del Costa intendono portare avanti il progetto complessivo conosciuto con il nome “Dieta Med-Italiana”, sono in programma un altro grande evento per questo autunno e una miriade di piccole e grandi iniziative durante tutto l’anno atte a far comprendere e a promuovere l’importanza della dieta mediterranea italiana, oltre naturalmente all’organizzazione nella primavera del 2013 dell’edizione n. 1 del Festival.

comunicato stampa Ist. Costa Lecce

LECCE: ASSEGNATO A MICHELLE OBAMA ULIVO MONUMENTALE

Postato il

LECCE –  Venerdì 25 maggio alle ore 18.30 presso la Sala Dante dell’Istituto Costa, nell’ambito del Festival della Dieta Med-Italiana, è stato firmato l’Atto di assegnazione onoraria dell’albero d’ulivo monumentale “La Regina”, di 1.400 anni, alla First Lady degli Usa Michelle Obama.
Il motivo per cui le autorità del territorio salentino hanno deciso di riservarle un tale “premo” risiede nel grande impegno con cui Michelle Obama in questi ultimi anni si è prodigata a promuovere in America, soprattutto alle nuove generazioni e alle famiglie, uno stile di vita basato sui dettami della Dieta Mediterranea attraverso il suo movimento “Let’s move!”. Uno stile di vita che comprende sia una sana e buona alimentazione che una maggiore e più intensa attività fisica.
Il prestigioso riconoscimento è carico di significati, a partire dal simbolo “ulivo” in sé, che rappresenta da sempre un emblema di pace, di fratellanza e di sostenibilità ambientale. Non meno importante poi l’età della pianta, stimata con la prova del carbonio ad essere non inferiore a 1.400 anni, che così rappresenta un grande simbolo di importanza storica e di tradizione italiana. Infine, dato che in autunno tutto l’olio extravergine che sarà prodotto con i frutti de “La Regina” saranno donati agli Obama, la famiglia presidenziale statunitense avrà modo di conoscere, degustare ed apprezzare uno dei migliori oli extravergini al mondo.
Senza poi trascurare il grande effetto mediatico che l’assegnazione italiana ha provocato nel mondo intero. Grazie infatti al lavoro delle agenzie giornalistiche internazionali, questa storia tutta italiana in una sola settimana si stima sia stata letta da oltre 13 milioni di persone in ogni continente. Questa gigantesca platea è stata raggiunta grazie soprattutto alla pubblicazione della notizia da parte di grandi colossi dell’informazione, quali MyFox (Usa), Yahoo! (Usa, Canada e Uk), Msn (Usa), Sky News (Australia), L’Express e France24 (Francia). Oltre ai paesi già menzionati, l’articolo è stato pubblicato e diffuso anche in Cina, Filippine, India (in inglese ed in hindi), Belgio, Germania, Austria, Svizzera, Spagna, Libano, Nigeria, Vietnam, Malaysia, Paraguay, Bolivia, Uruguay, Panama, Cile, Venezuela, Argentina, Russia e mondo arabo (in inglese ed in lingua originale). Sulla pagina web dedicata all’assegnazione (www.dietameditaliana.it/festival/michelleobama.html) sono riportati dei link ad alcuni degli articoli pubblicati.
L’atto di assegnazione è a firma del presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, della proprietaria del terreno che ospita la maestosa pianta Ines Maria Antonucci, del presidente della Camera di Commercio Alfredo Prete, del presidente di Coldiretti Lecce Pantaleo Piccinno, del presidente della Cooperativa Sant’Anna di Vernole Michele Doria, del dirigente dell’Istituto Costa Nicola Greco e del referente del progetto Dieta Med-Italiana Daniele Manni.
Questa la motivazione del riconoscimento:
“Per aver ideato e lanciato e per il grande impegno profuso a favore della campagna salutista ‘Let’s move!’, attraverso la quale è stato attuato un importantissimo servizio pubblico affinché le nuove generazioni di giovani e giovanissimi americani potessero crescere in maniera più sana, avvicinandosi ad uno stile di vita caratterizzato da un regime alimentare più ricco in verdure, frutta e cibi naturali e da una maggiore attività fisica. Uno stile di vita, questo, in perfetta armonia e sintonia con i dettami della Dieta Mediterranea, riscontrata e scoperta in Italia dallo scienziato americano Ancel Keys e meritevole del riconoscimento da parte dell’Unesco quale Patrimonio Immateriale dell’Umanità.
Per aver fornito un efficientissimo esempio di comportamento virtuoso, svolto in prima persona, impiantando e curando presso la Casa Bianca un orto coltivato a verdure e ortaggi e per avere, così facendo, amplificato a livello mondiale il messaggio a favore di una alimentazione più corretta, più ecosostenibile, più sana e, al contempo, gustosa e nutriente.”

comunicato stampa Ist. Costa Lecce